• Trattamenti Vascolari

    L’insufficienza venosa è una condizione molto diffusa che porta ad un danno sia estetico che funzionale degli arti inferiori pertanto è importante effettuare visite e programmi di trattamento idonei al fine di raggiungere un miglioramento prima di tutto funzionale e consecutivamente estetico.

    Clicca e continua a Leggere..

  • Laserterapia Estetica

    Il laser è un ausilio sempre più utilizzato in medicina che ha dato negli ultimi anni un contributo elevato alla medicina estetica riducendo l’uso della chirurgia quindi contribuendo ad ottenere buoni risultati con minimi tempi di recupero.

    Clicca e continua a leggere.

  • Terapia del Dolore

    Un trattamento laser ad alta intensità innovativo nel campo della terapia del dolore, dotato di potente azione antinfiammatoria e spiccata azione antidolorifica da risultati positivi in un’altissima percentuale conferisce al paziente la scomparsa o un controllo ottimale del dolore migliorando la qualità di vita.

    Clicca e continua a leggere.

  • Medicina Estetica

    Ormai sia uomini che donne mostrano sempre maggiore interesse per la cura dell’aspetto fisico. La medicina estetica svolge un ruolo di prevenzione e terapia di piccoli inestetismi con metodiche a basso rischio ma altrettanto efficaci per mascherare i segni del tempo e aumentare il benessere psicofisico dell’individuo.

    Clicca e continua a leggere.

TRAP: Indicazioni Particolari

6th ottobre 2012 | Trattamenti vascolari

Ricordiamo che la TRAP fleboterpia rigenerativa tridimensionale è un trattamento ambulatoriale che permette di curare l’insufficienza venosa  che la causa più frequente nella genesi delle vene varicose e nei capillari dilatati (teleangectasie) degli arti inferiori sia individuabile nell’indebolimento della parete delle vene perforanti e nella conseguente insufficienza valvolare. L’incontinenza valvolare provoca l’aumento dell’ipertensione emodinamica ed il derivante aumento della spinta idrostatica. Con la TRAP anziché asportare chirurgicamente le vene o obliterarle come con la scleroterapia tradizionale, curiamo la parete venosa, stringendo il lume delle vene e rinforzando la loro parete. Questo effetto è tridimensionale, esteso a tutto il circolo superficiale e perforante, anche nella regione più declive dell’arto. L’efficacia funzionale ed estetica della TRAP è confermata dalla permanente sparizione alla vista dei vasi del circolo superficiale. Possono essere trattati con la TRAP anche pazienti già precedentemente sottoposti senza successo, ad altre terapie. Per  finire possono essere sottoposti a trattamenti di  flebotarapia rigenerativa anche pazienti con ulcere degli arti inferiori, in questo caso infatti la rigenerazione del circolo venoso interrompe quelle condizioni che portano al danno tissutale con miglioramento e scomparsa dell’ulcera. Spesso per i pazienti che intendono sottoporsi a TRAP non è necessario un ecodoppler del arti inferiori, verrà effettuata una prima visita ed in quel caso verrà deciso se sottoporre il paziente al trattamento o richiedere esami più approfonditi.

Un’altra peculiarità della TRAP è che può essere applicata anche ad altri distretti corporei: le mani ed il viso.

La dilatazione delle vene del dorso delle mani risulta molto spesso antiestetica soprattutto nelle persone con un sottocutaneo poco rappresentato. La TRAP non essendo una metodica obliterativa ma causando solo un restringimento e un rafforzamento della parete venosa risulta l’unica tecnica in grado di curare questo inestetismo. Generalmente possono bastare 1 o 2 sedute.

La couperose teleangiectasica e i capillari sulle ali del naso  sono inestetismi vascolari che possono essere affrontati con la TRAP soprattutto quando le dilatazioni sono abbastanza marcate.  A differenza delle mani per il viso esiste una valida alternativa che è il laser vascolare Nd-Yag ad impulso lungo sarà cura del medico scegliere l’approccio più adatto in base alle condizioni del paziente.